COLP

Art. 12 - Convenzione tra Associazioni e Federazioni di Donatori Volontari di Sangue e l’Azienda ULSS 15 “Alta Padovana”, capofila del DIMT di Padova, per la partecipazione alle attività trasfusionali, ai sensi dell’art.6, comma 1, lettera b, della l. n. 219/05, dell’art. 2 dell’Accordo della Conferenza Stato – Regioni  n. 115/CSR del 20 Marzo 2008 e del punto 5 del 4° PSPR (16 Giugno 2009).

Per ogni Azienda del DIMT  è istituito il Comitato Locale di Partecipazione per assicurare il contributo dell’Associazione alla promozione della donazione del sangue, all’organizzazione della raccolta convenzionata ed alla tutela dei donatori all’interno del territorio definito per l’Azienda stessa.

Il COLP è composto da:

  • il Direttore generale dell’Azienda (o suo delegato) che lo presiede,
  • il Direttore della Struttura Trasfusionale,
  • complessivamente tre rappresentanti designati dalle associazioni del Volontariato presenti nel territorio di pertinenza e maggiormente rappresentate, scelte secondo il criterio del numero delle donazioni effettuate nei tre anni precedenti.

(…) Il Comitato formula proposte ed esprime pareri all’Azienda sull’intera materia oggetto della convenzione e sulla sua applicazione, operando secondo criteri di omogeneità con le indicazioni del DIMT.

Il Comitato svolge inoltre i seguenti compiti:

  • sovrintende il programma annuale della raccolta e sovrintende al servizio di chiamata dei donatori, sulla base delle indicazioni del DIMT e della Conferenza del DIMT,
  • valuta la rispondenza della organizzazione della raccolta alle esigenza di funzionalità della struttura, nonché alle esigenze dei donatori, proponendo le necessarie modifiche e gli eventuali interventi,
  • collabora con la Conferenza del DIMT per le finalità della promozione e della raccolta del sangue, proponendo le iniziative di propaganda al dono del sangue e di informazione ai donatori sul territorio di competenza (…),
  • promuove l’aggiornamento e la formazione per i Donatori e per il personale volontario (…).